Sending
Questo articolo è valutato
0 (0 votes)

L’affidamento diretto è una tipologia di procedura per la scelta dell’operatore che dovrà lavorare con/per la stazione appaltante. Anche per questa procedura l’importo si determina secondo le prescrizioni dell’art. 35 c.4 d.lgs. 50/2016 “…. Il calcolo tiene conto dell’importo massimo stimato, ivi compresa qualsiasi forma di eventuali opzioni o rinnovi del contratto esplicitamente stabiliti nei documenti di gara..”.  Il “rinnovo” comporta una nuova negoziazione con il medesimo soggetto, che può concludersi con l’integrale conferma delle precedenti condizioni o con la modifica di alcune di esse in quanto non più attuali; è consentito esclusivamente se previsto in origine, (T.A.R. Sardegna, Cagliari, sez. I, 7 luglio 2018, n. 74. La sez. V del T.A.R. Campania, Napoli, con la sentenza 18 aprile 2020, n. 1392) quindi, nel caso dell’affidamento diretto, nella lettera d’incarico. È possibile prevedere il rinnovo del contratto purché sia previsto fin dall’inizio, e sia computato nell’importo totale stimato dell’affidamento.

Sending
Questo articolo è valutato
0 (0 votes)

Questo articolo è stato scritto da...

Redazione MediAppalti
Guida pratica in materia di appalti pubblici | Website
mediagraphic assistenza tecnico legale e soluzioni per l'innovazione p.a.